Lo Zar e la mentalità vincente. L’Ital Volley, uscita mestamente dagli Europei 2019 dopo essere stata travolta dalla Francia con uno schiacciante 3-0 a Nantes, con i suoi protagonisti, fuori dal campo, svela uno dei segreti della “mentalità vincente”.

Mentalità vincente quando si perde, sembra paradossale?

È vero, gli azzurri in campo, nonostante abbiano cercato l’impresa contro i padroni di casa, sono stati complessivamente inferiori ai Galletti, i quali, hanno giganteggiato sotto il profilo dell’intensità del gioco e della carica emotiva.

Ad ogni modo, è fuori dal campo il focus M2.0.

Protagonista è Ivan Zaytsev, lo Zar del volley italiano, uno che vanta un record personale di battuta alla velocità di 134 chilometri orari. Leader emotivo da cui ci si aspetta sempre tantissimo ma che agli Europei ha deluso. Bene, dopo la debacle azzurra, davanti ai riflettori, ci mette la faccia e fa mea culpa.

Ho sbagliato tutto quello che potevo sbagliare e purtroppo non è andata. Sono cose che fanno parte dello sport, le belle vittorie e le brutte sconfitte…. Il nostro Europeo è finito, c’è tanta amarezza” https://it.eurosport.com/pallavolo/europei-pallavolo/2019/zaytsev-ho-sbagliato-tutto-abbiamo-avuto-delle-chance.-io-schiacciatore-ci-ho-provato_sto7473456/story.shtml
Morale? Insegnare ai giovani atleti che per acquisire la mentalità vincente bisogna ogni volta saper ripartire da zero. Per l’autostima superiore dei nostri ragazzi, affinché stiano in equilibrio emotivo aldilà dei risultati.
Dopo una sconfitta bruciante è fondamentale in primis accettarla, nella consapevolezza che fa parte del gioco e che soprattutto dagli errori tecnici, tattici, fisici e mentali si può e si deve imparare davvero tanto.
Come lo Zar insegna. Superlativo esempio positivo a cui ho dedicato una sessione di Mental Coaching per il volley.
Mental Coaching per il volley
Momenti di una sessione con una giovane pallavolista
Vuoi saperne di più sulla preparazione mentale nel volley? Clicca sul link in basso e leggi il mio blog specifico

Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.